Roccamonfina tene…Acqua vino e castagne!

PiazzaMonumentoaiCaduti
(PRIMA PARTE)
Roccamunfina tene,
Acqua vine e castagne
E echi ce vene torna
A sti muntagne
A respira’ chest’aria
Ce torna cù piacere
Te fa scurdà e pensiere
Te fa chiù’ placido
Te fa durmi
Roccamunfina ….
Sola te da’
Chest’aria accussi fina
Sti bosche profumate
Sti cante d’aucielle
Stu ciele chino ’e stelle:
sta vita semplice:
che rarità.

(SECONDA PARTE)
Na chiorma ‘e signurine
aspetta ogni mattine
c’arriva ‘a posta ngoppa
Roccamunfina…….
Quanno s’è dispensata
cumincia a passiata ….
voce…. Cante. .. e risate
sotto a chist’albere
tu siente ‘e fa…..
Roccamunfina…….
sola te dà
sta vita spensierata
sti belle scampagnate.
sta vita ’e paraviso….
Ccà tutto è nu sorriso:
Roccamunfina
Che rarità

(TERZA PARTE)
ogni annu ce turnammu Roccamunfina
sempe co stesso ammore tu che saie fà
e cca’ nui ce scurdammo ce saie affattura
ogne dolore cu st’aria ch’e’ divina
a respira’ chest’aria sti nenne e sti giardine
fore a sta luggetella ’O paraviso overo
Roccamunfina bella Roccamunfina
Tu pure ‘e napule S’à dda chiammà
Ce fai scurdà

Scritta nell’autunno del 1931 L’autore : M. N. Ricopiata da Franco Picaro 10/03/2013

 

Potrebbero interessarti anche...

error: Questo contenuto non può essere copiato !!